Difference between revisions of "Onoto Magna"

From FountainPen
Jump to: navigation, search
m (Sostituzione testo - " {{RiepilogoModello}}{{CronoModello" con " {{RiepilogoModello}} {{CronoModello")
 
(13 intermediate revisions by the same user not shown)
Line 3: Line 3:
 
==Storia==
 
==Storia==
  
La [[Magna]] venne introdotta sul mercato dalla [[Produced by::Onoto]] nel [[Production started::1937]]<ref>un volantino dell'agosto 1937 riporta la disponibilità a partire dal seguente 1 ottobre.</ref>, ed è considerabile come l'erede del precedente modello [[Mammouth]] (n. 1850?). Veniva a costituire pertanto il modello di fascia più alta prodotto dell'azienda.
+
La [[Magna]] venne introdotta sul mercato dalla [[Produced by::Onoto]] nel [[Production started::1937]]<ref>un volantino dell'agosto 1937 riporta la disponibilità a partire dal seguente 1 ottobre.</ref>, ed è considerabile come l'erede del precedente modello [[Mammoth]] ([[Onoto 1850|1850]]). Veniva a costituire pertanto il modello di fascia più alta prodotto dell'azienda.
  
 
Nel dopoguerra la penna venne rimessa in produzione nel 1947, e in queste versioni successive venne prodotta anche con [[caricamento a levetta]]. {{TerminazioneIgnota|1955}}
 
Nel dopoguerra la penna venne rimessa in produzione nel 1947, e in queste versioni successive venne prodotta anche con [[caricamento a levetta]]. {{TerminazioneIgnota|1955}}
  
==Caratteristiche tecniche==
+
=Caratteristiche tecniche=
  
 
La penna riprende le caratteristiche tecniche della produzione della [[Onoto]], ed in particolare l'avanzato sistema di caricamento a [[siringa rovesciata]]. Il cappuccio era con chiusura a vite.
 
La penna riprende le caratteristiche tecniche della produzione della [[Onoto]], ed in particolare l'avanzato sistema di caricamento a [[siringa rovesciata]]. Il cappuccio era con chiusura a vite.
  
===Materiali===
+
==Materiali==
  
 
Queste penne venivano prodotte in [[celluloide]] semitrasparente, consentendo la visualizzazione del livello di inchiostro. Le finiture erano in metallo dorato, il pennino in oro.
 
Queste penne venivano prodotte in [[celluloide]] semitrasparente, consentendo la visualizzazione del livello di inchiostro. Le finiture erano in metallo dorato, il pennino in oro.
  
===Sistema di riempimento===
+
==Sistema di riempimento==
  
La produzione prima della seconda guerra mondiale usava esclusivamente il classico sistema di caricamento a [[siringa rovesciata]] caratteristica distintiva di tutta la produzione della [[Onoto]]. Nel dopoguerra la produzione venne riavviata nel 1947
+
La produzione prima della seconda guerra mondiale usava esclusivamente il classico sistema di caricamento a [[siringa rovesciata]] caratteristica distintiva di tutta la produzione della [[Onoto]]. Nel dopoguerra la produzione venne riavviata nel 1947.
  
==Versioni==
+
=Versioni=
  
 
[[Image:Onoto-Magna-WB-Capped.jpg|thumb|Una [[Onoto]] [[Magna]] ]]
 
[[Image:Onoto-Magna-WB-Capped.jpg|thumb|Una [[Onoto]] [[Magna]] ]]
  
Inizialmente erano disponibili tre diverse versioni della penna: una con la banda alta singola sul cappuccio e pennino n.6, identificata dal numero 1861 e dal costo di 37/6; una con banda più bassa circondata da due anelli sottili ai lati e pennino n.7, identificata dal numero 1873 e dal costo di 45/-; una con la banda alta in oro a 14 carati ed il pennino n.7 e dal costo di 50/-, identificata dal numero 1876. Inizialmente questo ultimo modello non era disponibile nella versione di colore grigio argentato.
+
Inizialmente erano disponibili tre diverse versioni della penna: una con la banda alta singola sul cappuccio e pennino n.6, identificata dal numero [[Onoto 1861|1861]] e dal costo di 37/6; una con banda più bassa circondata da due anelli sottili ai lati e pennino n.7, identificata dal numero [[Onoto 1873|1873]] (vedi anche [[:File:1939-ArmyNavyCatalog-p335-Onoto.jpg|questa pagina]]) e dal costo di 45/-; una con la banda alta in oro a 14 carati ed il pennino n.7 e dal costo di 50/-, identificata dal numero [[Onoto 1876|1876]]. Inizialmente questo ultimo modello non era disponibile nella versione di colore grigio argentato.
  
===Colori===
+
==Colori==
  
Inizialmente la penna venne prodotta in tre colorazioni, una nera con cesellature, e le altre due in celluloide traslucida a motivi intrecciati, una di colore grigio-argento e finiture rodiate, una di colore marrone e finiture dorate.
+
Inizialmente la penna venne prodotta in tre colorazioni, una nera con cesellature (chiamato ''"Black Engraved Opaque"''), e le altre due in celluloide traslucida a motivi intrecciati, una di colore grigio-argento e finiture rodiate (chiamato ''"Silver Visible"''), una di colore marrone e finiture dorate (chiamato ''"Golden Brown"'').
  
===Pennini===
+
==Pennini==
  
 
I pennini erano di due misure, 6 e 7 in oro a 14 carati con smaltatura bicolore.  
 
I pennini erano di due misure, 6 e 7 in oro a 14 carati con smaltatura bicolore.  
  
 
{{DimModelli}}
 
{{DimModelli}}
|-
+
{{RigaDimModelli
| Nome
+
|Versione = --
| 5" ?
+
|Lunghezza = --
| come è fatta
+
|body=
|-
+
|cap=
|}
+
|d_body=
 +
|d_cap=
 +
}}
 +
{{TabEnd}}
  
  
 +
{{RiepilogoModello}}
 
{{CronoModello|Onoto Magna}}
 
{{CronoModello|Onoto Magna}}
 
== Riferimenti esterni ==
 
== Riferimenti esterni ==

Latest revision as of 01:41, 22 April 2020

Storia

La Magna venne introdotta sul mercato dalla Onoto nel 1937[1], ed è considerabile come l'erede del precedente modello Mammoth (1850). Veniva a costituire pertanto il modello di fascia più alta prodotto dell'azienda.

Nel dopoguerra la penna venne rimessa in produzione nel 1947, e in queste versioni successive venne prodotta anche con caricamento a levetta. Non è nota una data di terminazione precisa, assumeremo il 1955, ma l'assunzione è totalmente arbitraria, senza alcun riscontro fattuale ed eseguita ai soli fini della gestione della cronologia.

Caratteristiche tecniche

La penna riprende le caratteristiche tecniche della produzione della Onoto, ed in particolare l'avanzato sistema di caricamento a siringa rovesciata. Il cappuccio era con chiusura a vite.

Materiali

Queste penne venivano prodotte in celluloide semitrasparente, consentendo la visualizzazione del livello di inchiostro. Le finiture erano in metallo dorato, il pennino in oro.

Sistema di riempimento

La produzione prima della seconda guerra mondiale usava esclusivamente il classico sistema di caricamento a siringa rovesciata caratteristica distintiva di tutta la produzione della Onoto. Nel dopoguerra la produzione venne riavviata nel 1947.

Versioni

Inizialmente erano disponibili tre diverse versioni della penna: una con la banda alta singola sul cappuccio e pennino n.6, identificata dal numero 1861 e dal costo di 37/6; una con banda più bassa circondata da due anelli sottili ai lati e pennino n.7, identificata dal numero 1873 (vedi anche questa pagina) e dal costo di 45/-; una con la banda alta in oro a 14 carati ed il pennino n.7 e dal costo di 50/-, identificata dal numero 1876. Inizialmente questo ultimo modello non era disponibile nella versione di colore grigio argentato.

Colori

Inizialmente la penna venne prodotta in tre colorazioni, una nera con cesellature (chiamato "Black Engraved Opaque"), e le altre due in celluloide traslucida a motivi intrecciati, una di colore grigio-argento e finiture rodiate (chiamato "Silver Visible"), una di colore marrone e finiture dorate (chiamato "Golden Brown").

Pennini

I pennini erano di due misure, 6 e 7 in oro a 14 carati con smaltatura bicolore.

Misure

Nella tabella seguente sono riportate le misure relative alla diverse varianti del modello, sia per quanto riguarda le lunghezze che il peso. I diametri per fusto e cappuccio sono misurati sul loro valore massimo, la sezione invece sul punto di presa, ed il diametro è quindi una indicazione approssimata. I pesi sono a penna scarica (o senza cartucce).

Versione Lunghezza Altre misure: lunghezze, diametri, pesi
-- --


Riepilogo dati ed informazioni

Tutti i dati e le informazioni disponibili per le penne trattate in questa pagina sono elencate di seguito.

Cronologia

Anno Avvenimento
1937 l'azienda introduce le Onoto Magna
1947 l'azienda ricomincia la produzione della Magna, anche con caricamento a levetta

Riferimenti esterni

  • nessuno per ora

Note

  1. un volantino dell'agosto 1937 riporta la disponibilità a partire dal seguente 1 ottobre.

Materiale disponibile