Difference between revisions of "Cocobolo"

From FountainPen
Jump to: navigation, search
 
Line 3: Line 3:
 
Il ''Cocobolo'' è un legno raro e pregiato, caratterizzato da una grande durezza e dalla resistenza alle intemperie, è inoltre dotato di un profondo colore arancio scuro, con sfumature tendenti al rosso o al marrone e venature di colore più scuro. L'albero appartiene al genere Dalbergia (''Dalbergia Retusa'') come il palissandro.  Per le sue caratteristiche estetiche e meccaniche è estremamente ricercato e viene usato in ebanisteria e per la costruzioni di strumenti ad arco. Essendo estremamente ricercato la stessa sopravvivenza della specie è stata messa in questione ed il cocobolo rientra fra le specie vegetali protette.
 
Il ''Cocobolo'' è un legno raro e pregiato, caratterizzato da una grande durezza e dalla resistenza alle intemperie, è inoltre dotato di un profondo colore arancio scuro, con sfumature tendenti al rosso o al marrone e venature di colore più scuro. L'albero appartiene al genere Dalbergia (''Dalbergia Retusa'') come il palissandro.  Per le sue caratteristiche estetiche e meccaniche è estremamente ricercato e viene usato in ebanisteria e per la costruzioni di strumenti ad arco. Essendo estremamente ricercato la stessa sopravvivenza della specie è stata messa in questione ed il cocobolo rientra fra le specie vegetali protette.
  
A parte l'eccezione della serie ''Legni Preziosi'' della [[Omas]], il Cocobolo non è mai stato impiegato nella costruzione di stilografiche, a causa della facilità con cui un meteriale poroso come il legno può macchiarsi. Come per altri legni (fra cui lo stesso [[palissandro]]) però la elegante colorazione e venatura caratteristiche di questo legno sono state imitate creandone una riprosuzione in materiale plastico, ed in particolare con l'uso della [[celluloide]]. La [[celluloide]] color ''Cocobolo'' è comunque abbastanza rara, e se ne riconosce l'impiego da parte della [[LeBoeuf]] e della [[Carter]].
+
A parte l'eccezione della serie ''Legni Preziosi'' della [[Omas]], il Cocobolo non è mai stato impiegato nella costruzione di stilografiche, a causa della facilità con cui un materiale poroso come il legno può macchiarsi. Come per altri legni (fra cui lo stesso [[palissandro]]) la elegante colorazione e venatura caratteristiche di questo legno sono state imitate creandone una riproduzione in materiale plastico, ed in particolare con l'uso della [[celluloide]]. La [[celluloide]] color ''Cocobolo'' è comunque abbastanza rara, e se ne riconosce l'impiego da parte della [[LeBoeuf]] e della [[Carter]].
  
 
== Riferimenti esterni ==
 
== Riferimenti esterni ==
 
+
* [http://en.wikipedia.org/wiki/Cocobolo] Pagina di wikipedia
* http://en.wikipedia.org/wiki/Cocobolo
 
  
 
[[Categoria:Vocabolario]]
 
[[Categoria:Vocabolario]]

Latest revision as of 01:46, 23 September 2019

Una LeBoeuf 75 color Cocobolo

Il Cocobolo è un legno raro e pregiato, caratterizzato da una grande durezza e dalla resistenza alle intemperie, è inoltre dotato di un profondo colore arancio scuro, con sfumature tendenti al rosso o al marrone e venature di colore più scuro. L'albero appartiene al genere Dalbergia (Dalbergia Retusa) come il palissandro. Per le sue caratteristiche estetiche e meccaniche è estremamente ricercato e viene usato in ebanisteria e per la costruzioni di strumenti ad arco. Essendo estremamente ricercato la stessa sopravvivenza della specie è stata messa in questione ed il cocobolo rientra fra le specie vegetali protette.

A parte l'eccezione della serie Legni Preziosi della Omas, il Cocobolo non è mai stato impiegato nella costruzione di stilografiche, a causa della facilità con cui un materiale poroso come il legno può macchiarsi. Come per altri legni (fra cui lo stesso palissandro) la elegante colorazione e venatura caratteristiche di questo legno sono state imitate creandone una riproduzione in materiale plastico, ed in particolare con l'uso della celluloide. La celluloide color Cocobolo è comunque abbastanza rara, e se ne riconosce l'impiego da parte della LeBoeuf e della Carter.

Riferimenti esterni

  • [1] Pagina di wikipedia