Relief

From FountainPen
Jump to navigation Jump to search

Storia

La Relief venne introdotta sul mercato dalla Esterbrook nel 1935 circa.[1]

Non è nota una data di terminazione precisa, assumeremo il 1955, come indicazione generica degli anni '50, ma l'assunzione è totalmente arbitraria, senza alcun riscontro fattuale ed eseguita ai soli fini della gestione della cronologia.

Caratteristiche tecniche

Da fare.

Materiali

Da fare.

Sistema di riempimento

Da fare.

Versioni

Da fare.

Colori

Da fare.

Pennini

Da fare.

Misure

Nella tabella seguente sono riportate le misure relative alla diverse varianti del modello, sia per quanto riguarda le lunghezze che il peso. La lunghezza fa riferimento alla lunghezza della penna da chiusa col cappuccio avvitato o calzato fino in fondo. La misura del fusto fa riferimento alla lunghezza del corpo penna compreso il pennino. I diametri per fusto e cappuccio sono misurati sul loro valore massimo, la sezione invece sul punto di presa, ed il diametro è quindi una indicazione molto approssimata. I pesi sono a penna scarica (o senza cartucce). Le misure sono state eseguite su esemplari singoli, pertanto sono comunque indicative, e sono possibili errori e variazioni dell'ordine del millimetro sulle lunghezze, di qualche decimo sui diametri, e del grammo sui pesi.

Versione Lunghezza Altre misure: lunghezze, diametri, pesi
-- --

Riepilogo delle informazioni disponibili

Si riportano di seguito le informazioni raccolte in riferimento ai modelli trattati in questa pagina, a partire dai dati di cronologia, i riferimenti trovati sul web ed il materiale (foto, pubblicità, documenti) disponibile al riguardo.

Cronologia

Riferimenti esterni

  • [1] Prima pagina dedicata al modello su esterbrook.net (1 & 2)
  • [2] Seconda pagina dedicata al modello su esterbrook.net (3, 4, 5, 22 & 12)
  • [3] Terza pagina dedicata al modello su esterbrook.net (66 & 90)
  • [4] Quarta pagina dedicata al modello su esterbrook.net (versioni in ebanite fiammata)
  • [5] Quinta pagina dedicata al modello su esterbrook.net (versioni in BCHR)
  • [6] Pagina sul sito dismesso di Bill Acker

Note

  1. assumiamo come fonte principale della ricostruzione storica quanto riportato da Brian P. Anderson nella suo sito dedicato alla Esterbrook, che parla di metà degli anni '30.

Materiale disponibile