Conway Stewart 73

From FountainPen
Jump to: navigation, search

Storia

Il modello 73 venne introdotto sul mercato dalla Conway Stewart all'incirca nel 1958.[1] Il modello venne dismesso all'incirca nel 1963. Non sono note variazioni significative nella produzione.

Caratteristiche tecniche

Si tratta di penne tecnicamente ordinarie, con caricamento a levetta. Il cappuccio è con chiusura a vite, il fermaglio è fissato direttamente sulla testa del cappuccio con un gioiello.

Materiali

La penna era realizzata in celluloide. Clip e levetta sono in metallo dorato. Il pennino è in oro a 14 carati.

Sistema di riempimento

La penna è dotata di caricamento a levetta ordinario, la levetta ha una terminazione tonda su cui è stampigliato un logo formato dalle lettere CS in un rombo.

Versioni

Una Conway Stewart 73

Il modello[2] presenta sul cappuccio due verette sottili che circondano una veretta leggermente più ampia. Il fermaglio è con terminazione a diamante. Il fermaglio è fissato direttamente al cappuccio con un anello tramite il sovrastante gioiello. Sia fusto che cappuccio sono affusolati, ed il fusto ha una terminazione tronco conica.

Il modello è stampigliato con la scritta «Conway Stewart 73» su una prima riga, e la scritta «Made in England» nella seconda riga. Non sono note varianti del modello a parte i colori.

Colori

Per questo modello noti i seguenti colori:[3] Black, Marbled Blue/Black, Marbled Burgundy/Black, Green herringbone, Red herringbone, Blue herringbone, Grey hatched(?), Blue hatched, Burgundy hatched, Green hatched.

Pennini

Il modello monta pennini marcati «Conway Stewart» con la scritta su due righe, in oro a 14 carati (marcatura 14 ct gold) di misura 4.

Dimensioni

Versione Lunghezza Altre dimensioni / Descrizione
73 13.6cm cappuccio: 6.6 cm, corpo + sezione: 10.5 cm

Cronologia

Riferimenti esterni

  • [1] Paragrafo dal sito di Jonathan Donahaye
  • [2] Paragrafo dal sito Penultimate

Note

  1. le informazioni sulle date sono prese dal sito di Jonathan Donahaye e coincidono con quelle riportata su Penultimate, la datazione è attribuita a Steve Hull ma non è specificato come è stata stabilita.
  2. quando non indicato diversamente le informazioni relative a questo modello provengono dal sito di Jonathan Donahaye segnalato nei riferimenti.
  3. si sono utilizzate le denominazioni trovate sul sito di Jonathan Donahaye segnalato nei riferimenti.

Materiale disponibile