Dunn

Da FountainPen.
(Reindirizzamento da Dunn)
Questa pagina è una versione tradotta della pagina Dunn; la traduzione è completa al 100 %.

Logo Dunn

La Dunn è stata fondata nel 1921, ed è uno dei tanti produttori nati nel periodo d'oro della stilografica americana quando praticamente ogni azienda veniva fondata sulla base dell'invenzione di una qualche innovazione tecnica. Nel caso della Dunn si trattava del meccanismo di caricamento, che le permise di ottenere delle buone quote di mercato.

La vita della Dunn fu però molto breve, la ditta chiuse i battenti nel 1924 (o nel 1927, a seconda delle fonti, si assumerà questa seconda data). Nella sua breve vita produsse però penne di buona qualità, assolutamente innovative ed all'avanguardia rispetto a tutta la produzione della stessa epoca, ma anche robuste e dotate di un sistema di caricamento efficiente e capace.

Dunn
Pubblicità marca
Foto marca
Brevetti

Storia

Un modello gigante

La Dunn venne fondata a New York nel 1921, ma fra i suoi fondatori non figura direttamente Charles Dunn, l'inventore da cui prende il nome l'azienda, che pare sia morto di tubercolosi poco prima della fondazione della stessa. Questi aveva creato e brevettato nel 1920 (brevetto nº US-1359880) un originale sistema di caricamento a pompa, sostanzialmente identico allo stantuffo tuffante della OMAS. Il nuovo sistema di caricamento consentiva di immagazzinare una grande capacità di inchiostro, tanto che uno degli slogan adottati per lanciare sul mercato il modello Camel Tatler era: "A regular camel for ink, goes a month without a drink".

Pubblicità del 1922, con lo slogan A regular camel for ink, goes a month without a drink

Le stilografiche Dunn erano tutte realizzate con questo particolare sistema di caricamento, che ne caratterizzava anche lo stile; il fondello della penna infatti, da usare come manopola per poter effettuare il caricamento della stessa utilizzando il sistema a pompa, era realizzato in plastica rossa (inizialmente in ebanite, poi sostituita dalla caseina, materiale più deperibile e di minor qualità), tanto da costituire un tratto distintivo della penna che in un altro slogan veniva descritta come "The fountain pen with the red pump handle".

La penne Dunn erano in ebanite e di ottima qualità; e l'azienda si distinse per una estesa campagna pubblicitaria. Il meccanismo a pompa era semplice e robusto, e le penne vennero prodotte in una varietà di modelli dalle piccole penne da donna al gigantesco modello Dreadnaught (che comunque venne prodotto anche in dimensioni ordinarie). Di particolare interesse dal punto di vista tecnico è anche l'aver introdotto dei cappucci composti di due parti, la cui sezione superiore poteva venire svitata così da scoprire il pennino lasciandolo però protetto da una gabbia protettiva, in modo da poter effettuare il caricamento della penna senza premerlo pericolosamente sul fondo della bottiglia di inchiostro.

Oltre all'ebanite nera la Dunn produsse penne in bachelite trasparente (anche se la gran parte dei modelli trasparenti sembrano essere piuttosto realizzati in celluloide), sono note, ma molto rare, anche penne prodotte con rivestimenti in metallo.

La fine della ditta non è ben chiara, taluni riportano il fallimento nel 1924 a causa di uno sciopero prolungato di tutti gli impiegati. Altri sostengono il perdurare della ditta fino al 1927, dato che esistono tracce di una sede a New York, nella 71 Fifth Ave, quando venne messa fuori mercato dall'incapacità di adeguarsi all'uso dei nuovi materiali colorati introdotti con le penne in celluloide. A quanto pare[1] nel 1924 si ebbe una prima istanza di fallimento (le cui cause paiono essere appunto legate se non ad uno sciopero a gravi problemi di relazioni sindacali), a cui seguì un tentativo di riorganizzazione dell'azienda. Questo non ebbe successo, portando pochi anni dopo al definitivo fallimento.

Cronologia

Anno Avvenimento
1921 l'azienda viene fondata da Charles Dunn a New York
1924 l'azienda subisce una prima istanza di fallimento
1927 l'azienda termina le attività

Riferimenti esterni

  • [1] Pagina sulla Dunn nel sito di Richard Binder
  • [2] Pagina sulla Dunn nel sito di David Nishimura
  • [3] Pagina sulla Dunn nel sito di Pen and Watch

Note

  1. si veda la seguente discussione sull'argomento su Fountain Pen Network.