Kaweco Elite

From FountainPen
Jump to: navigation, search

Storia

Il modello Elite venne introdotto sul mercato da Kaweco nel 1937, come nuova linea di punta dell'azienda, andando a sostituire il precedente modello Dia. La produzione venne ripresa nel dopoguerra, e non è nota una data di dismissione, assumeremo pertanto in maniera arbitraria, ai fini della gestione della cronologia, il 1955, come indicativo degli anni '50.

Caratteristiche tecniche

La Elite non si contraddistingue per particolari innovazioni tecniche rispetto alla produzione tedesca del suo tempo. Una caratteristica comune è l'uso di un fondello rimuovibile per l'accesso al pomello che aziona il meccanismo di caricamento. Il cappuccio è con chiusura a vite. La clip è montata ad anello con una testina di plastica con un inserto metallico con il logo della ditta.

Materiali

Le versioni iniziali erano realizzate in celluloide, con la sezione finale del corpo trasparente per la visualizzazione del livello di inchiostro. Le finiture erano in metallo laminato oro, il pennino in oro a 14 carati.

Sistema di riempimento

Le penne di questa serie sono tutte dotate di un ordinario (per la produzione tedesca dell'epoca) caricamento a stantuffo, realizzato in ebanite. Il sughero è montato, come nel resto della produzione Kaweco tramite un pomello a forma di fungo che si incastra nella parte terminale dell'albero, fissato da una sottile asticella metallica (da finire, mettere lo schema nella sezione riparazioni).

Versioni

Un set Elite

Di questo modello esistono almeno due versioni, la prima, introdotta nel 1937, prevede quattro(?) diverse dimensioni (183?, 185, 187?, 190), ha una veretta cesellata bicolore (due bordi dorati esterni con la cesellatura centrale argentata).

La seconda versione (dopoguerra?) prevede tre dimensioni (583, 585, 587) e due semplici anelli sul cappuccio.

Colori

Le penne vennero prodotte prevalentemente in colore nero, ma come elemento decorativo la celluloide veniva incisa con lavorazioni ad incisioni geometriche analoghe al guilloché. Sono comunque note anche versioni in celluloide colorata (più rare), anche se non è nota una lista completa di colori, sono stati trovati esemplari nei colori: rosso marmorizzato, ecc. .

Pennini

I pennini erano in oro a 14 carati con il foro di areazione tondo. La stampigliatura prevedeva la presenza della scritta "Kaweco" in stampatello sopra il nuovo logo ottagonale Kaweco e la caratura indicata sotto ques'ultimo nella parte bassa del pennino. Non è nota una lista di misure della punta, ma almeno negli anni '50 erano senz'altro presenti quelle indicate nella tabella mostrata in questa brochure.

Misure

Nella tabella seguente sono riportate le misure relative alla diverse varianti del modello, sia per quanto riguarda le lunghezze che il peso. I diametri per fusto e cappuccio sono misurati sul loro valore massimo, la sezione invece sul punto di presa, ed il diametro è quindi una indicazione approssimata. I pesi sono a penna scarica (o senza cartucce).

Versione Lunghezza Altre misure: lunghezze, diametri, pesi
-- --

Riepilogo delle informazioni disponibili

Si riportano di seguito le informazioni raccolte in riferimento ai modelli trattati in questa pagina, a partire dai dati di cronologia, i riferimenti trovati sul web ed il materiale (foto, pubblicità, documenti) disponibile al riguardo.

Cronologia

Anno Avvenimento
1937 l'azienda introduce le Kaweco Elite

Riferimenti esterni

  • nessuno per ora

Note

Materiale disponibile