Pelikan 140

From FountainPen
Jump to: navigation, search
Una 140, prima serie

Storia

Pubblicità anni '50

Il modello 140 venne introdotto da Pelikan nel 1952,[1] con una serie di colori in tinta unita e finiture dorate; fra questi il grigio rimase in produzione solo nel 1952, mentre tutti gli altri eccetto il nero vennero dismessi nel 1955, quando venne introdotta la versione con la binde a righe semitrasparenti verdi, la cui produzione terminò nel 1963.

Nel 1957 venne introdotta la versione nera con finiture cromate, la cui produzione terminò nel 1965, segnando la dismissione di questo modello, anche se non è chiaro se alcune varianti (come quella marcata Taylorix) siano state prodotte anche in seguito.

Caratteristiche tecniche

La 140 mantiene le caratteristiche tecniche della allora nuova 400, con lo stesso gruppo pennino montato a vite nella sezione, il caricamento a stantuffo, il cappuccio resta con chiusura a vite, la clip in metallo montato ad anello. La maggiore differenza è, almeno nella produzione iniziale, l'assenza della binde e la costruzione in resina plastica colorata a tinta unita.

Materiali

Le 140 erano realizzata in resina plastica in tinta unita, a parte la versione con la classica binde a righe verdi semitrasparenti, che però è più tarda. Alimentatore e gruppo pennino erano in ebanite, il pennino in oro e clip e finiture in metallo dorato.

Sistema di riempimento

Il sistema di caricamento resta, come per tutta la produzione Pelikan di questo periodo, il classico caricamento a stantuffo icona dell'azienda, realizzato con la stessa modalità costruttiva utilizzata per la 400, in cui il meccanismo è inserito a pressione nel fusto.

Versioni

Come consuetudine della Pelikan la 140 venne prodotta in una unica misura, variando soltanto i colori del materiale.

Colori

I colori iniziali erano nero, verde, blu, rosso borgogna e grigio. Quest'ultimo è il più raro, prodotto solo per il primo anno, il grosso della produzione resta comunque di colore nero, seguito dal borgogna, meno comuni il verde ed il blu. Dal 1955 venne prodotta anche la versione con la binde a righe semitrasparenti verdi nella livrea tipica della 400, anche questa molto comune.

Meno comune la versione a strisce nere, o quella con cappuccio, sezione ed fondello marrone scuro. Molto rara quella in celluloide tartaruga chiara, o quella con la binde a strisce tartaruga.

Pennini

Fino al 1954 vennero usati i classici pennini con l'incisione del nome Pelikan in carattere corsivo.

Misure

Nella tabella seguente sono riportate le misure relative alla diverse varianti del modello, sia per quanto riguarda le lunghezze che il peso. I diametri per fusto e cappuccio sono misurati sul loro valore massimo, la sezione invece sul punto di presa, ed il diametro è quindi una indicazione approssimata. I pesi sono a penna scarica (o senza cartucce).

Versione Lunghezza Altre misure: lunghezze, diametri, pesi
140 --

Riepilogo delle informazioni disponibili

Si riportano di seguito le informazioni raccolte in riferimento ai modelli trattati in questa pagina, a partire dai dati di cronologia, i riferimenti trovati sul web ed il materiale (foto, pubblicità, documenti) disponibile al riguardo.

Cronologia

Anno Avvenimento
1952 l'azienda introduce le Pelikan 140
1952 l'azienda dismette il pennino CN
1957 l'azienda introduce le finiture cromate sulla 140 con pennini CN
1965 l'azienda dismette le Pelikan 140

Riferimenti esterni

  • [1] Pagina sul modello sul sito di Martin Lehmann
  • [2] Pagina sul modello sul sito di Reuttinger
  • [3] Una storia dell'azienda con notizie sul modello
  • [4] Istruzioni per lo smontaggio sul forum

Note

  1. si è preso come riferimento per le datazioni del modello il testo Pelikan Schreibgerate, ed il sito di Martin Lehmann che è uno degli autori.

Materiale disponibile