Montblanc 64x

From FountainPen
Jump to: navigation, search

Storia

La serie 640 di Montblanc venne introdotta nel 1952,[1] insieme alla ristilizzazione delle 244 e 246 ed alla introduzione della 149. Anche questa serie veniva classificata come di prima fascia, e caratterizzata dalla qualifica di Meisterstück.


Nel 1955, con l'introduzione della nuova serie 250 ed il nuovo pennino alato Flügelfeder, le versioni in oro massiccio vennero dismesse. Il pennino Flügelfeder venne introdotto pure su questa serie a partire dal 1958. La produzione venne interrotta all'incirca nel 1959 con il passaggio alla produzione in plastica a stampo.


Caratteristiche tecniche

La penna dal punto di vista tecnico è sostanzialmente analoga alle omologhe della serie 140, con le quali condivide il sistema di caricamento ed i materiali del corpo. Si distingue per un cappuccio in metallo laminato con chiusura ad incastro su un anello metallico montato fra la sezione ed il fusto, del tutto analogo a quello che si trova ad esempio sulla Aurora 88.

Materiali

Il corpo è realizzato in celluloide mentre il cappuccio è in metallo laminato. L'alimentatore è in ebanite ed il pennino era disponibile solo in oro a 14 carati.

Sistema di riempimento

Come accennato la penna era prodotta con lo stesso sistema di caricamento telescopico adottato sulla serie 140, che assicura una maggiore capacità di inchiostro rispetto ad un sistema a stantuffo ordinario permettendo di avere, grazie all'alberino telescopico, un meccanismo che occupa uno spazio nettamente inferiore.

Versioni

La penna venne prodotta in due dimensioni, piccola e media, corrispondenti alle due misure di pennino, e rispettivamente identificate come 642 e 644, stampigliato sul fondello. Come sempre la cifra delle unità contraddistingue sia la misura del pennino che le dimensioni della penna. La cifra delle decine mantiene il valore 4, adottato per tutti modelli del dopoguerra, e quella delle centinaia identifica il modello come la versione dotata di cappuccio in metallo e corpo in celluloide.

Colori

I colori disponibili soltanto la classica celluloide nera adottata per tutti i modelli e la celluloide striata verde (o grigia) adottata anche i modelli della serie 140.

Pennini

Erano disponibili due versioni di pennino, un pennino aperto ordinario, o il nuovo pennino alato denominato [Flügelfeder]] usato anche sulla serie 250 usato per la serie "N". Il pennino era disponibile in due misure, la piccola (n° 2) e la media (n° 4).

Misure

Nella tabella seguente sono riportate le misure relative alla diverse varianti del modello, sia per quanto riguarda le lunghezze che il peso. I diametri per fusto e cappuccio sono misurati sul loro valore massimo, la sezione invece sul punto di presa, ed il diametro è quindi una indicazione molto approssimata. I pesi sono a penna scarica (o senza cartucce). Le misure sono state eseguite su esemplari singoli, pertanto sono comunque indicative, e sono possibili errori e variazioni dell'ordine del millimetro sulle lunghezze, di qualche decimo sui diametri, e del grammo sui pesi.

Versione Lunghezza Altre misure: lunghezze, diametri, pesi
642 12,7 cm Lunghezze: 13,8 cm calzata.
644 --

Riepilogo delle informazioni disponibili

Si riportano di seguito le informazioni raccolte in riferimento ai modelli trattati in questa pagina, a partire dai dati di cronologia, i riferimenti trovati sul web ed il materiale (foto, pubblicità, documenti) disponibile al riguardo.

Cronologia

Anno Avvenimento
1952 l'azienda introduce le Montblanc 64x
1954 l'azienda dismette le versioni in oro della serie 640
1956 l'azienda rimuove l'incisione Montblanc dal cappuccio
1958 l'azienda introduce il pennino alato sulle serie 64x
1959 l'azienda dismette tutti i modelli tranne la 149
1959 l'azienda cessa la produzione in Danimarca

Riferimenti esterni

  • [1] Storia dei modelli dell'azienda
  • [2] Presentazione sul forum di una 644
  • [3] Presentazione sul forum di una 642G
  • [4] Presentazione sul forum di una 644G

Note

  1. la datazione di questi modelli proviene principalmente da questa esaustiva cronologia dei modelli dell'azienda, ma non si hanno riferimenti documentali precisi, le prenderemo come valide in assenza di indicazioni migliori.

Materiale disponibile