Challenger

From FountainPen
Jump to: navigation, search

Storia

Una pubblicità degli anni '30

Il modello Challenger venne introdotto sul mercato dalla Parker nel 1934,[1] La prima versione venne introdotta come linea intermedia fra le Parkette e la Vacumatic al prezzo di $2.50. Nel 1935 venne introdotta la versione di maggior pregio Challenger De Luxe al prezzo di $3.50. Infine nel 1937[2] venne introdotta la Royal Challenger, la più costosa della serie, al costo di $5.00. Nello stesso anno anche le altre due varianti della serie vennero ridisegnate.

Il modello venne dismesso all'incirca nel 1941, con la revisione delle penne di fascia bassa che portò all'introduzione delle Laidtone Duofold, ma la Challenger restò in vendita (presumibilmente per esaurire le scorte di produzione) sul mercato canadese con il nome di Moderne.

Caratteristiche tecniche

Si tratta di una penna che non presenta nessuna caratteristica tecnica rilevante, sia per il sistema di caricamento che per gli altri aspetti tecnici, ma le versioni più tarde vennero equipaggiate con una sezione con una parte trasparente chiamata, almeno nei riferimenti in alcuni cataloghi, Visometer (anche viene citato anche il nome alternativo Visiometer) un accorgimento sostanzialmente identico al Visulated della Sheaffer per visualizzare il livello di inchiostro. Il cappuccio è con chiusura a vite.

Materiali

La penna era realizzata in celluloide, colorata per corpo e cappuccio, e nera per il fondello e la testina della clip. Le finiture e la clip erano in metallo dorato o cromato, il pennino in oro a 14 carati. Sulle Royal Challenger venne usato un diverso disegno della celluloide, caratterizzata da una lavorazione particolare con la presenza un motivo a "V" sovrapposte sui lati della penna (denominato "Chevron") e coperto da un brevetto di design (nº US-D106326).

Sistema di riempimento

Per questo modello venne usato un ordinario caricamento a pulsante di fondo, che non presenta nessuna caratteristica tecnica particolare. Il fondello di copertura era realizzato in celluloide nera, tranne che per la Royal Challenger per la quale era dello stesso colore del corpo e dotato di jewel. Il pulsante della Royal Challenger prensenta però (riscontrata almeno in questo esemplare) una estensione della I-bar esterna al corpo penna, che ne facilita l'estrazione.

Versioni

Una Royal Challenger con clip a spada

La Challenger è stata prodotta in diverse varianti, la prima versione introdotta nel 1934 venne realizzata in due dimensioni, denominate Standard e Slender. La penna era caratterizzata da una clip a pallina con un rilievo a forma di punta di lancia su cui era impressa la stampigliatura "PARKER".

La Royal Challenger esiste in due versioni diverse, una prima versione, meno comune, è caratterizzata da una clip a forma di spada (o meglio di daga) molto particolare coperta da un brevetto di design (nº US-D107708). La seconda è dotata invece di una più semplice clip scalettata. Entrambe sono caratterizzata dal particolare disegno della celluloide, coperto dal brevetto di design nº US-D106326.

Da finire

Colori

Il corpo della penna venne realizzata con lo stesso tipo di celluloide marmorizzata usato anche per le prime versioni marmorizzate della Vacumatic. Sono noti i colori rosso ("burgundy"), verde ("green") e grigio ("grey"), venne inoltre realizzata anche una versione totalmente nera ("black"). Per la Royal Challenger vennero usati invece i colori marrone ("brown"), rosso ("burgundy") e grigio ("grey"),[3] che in un altro catalogo[4] vengono riportati come colori "Chevron Brown", "Chevron Red" e "Chevron Gray" nominando anche il marrone.

Pennini

Il pennino era in oro 14 carati, marcato "PARKER' e "MADE IN USA", alcuni sono contraddistinti anche dalla presenza di un numero. Fra quelli noti: 37, ...

Dimensioni

Versione Lunghezza Altre dimensioni / Descrizione
Standard
Slender 4" 13/16

Cronologia

Anno Avvenimento
1934 l'azienda introduce le Challenger
1935 l'azienda introduce le Challenger De Luxe
1937 l'azienda introduce le Royal Challenger
1937 l'azienda ristruttura la serie Challenger (e Challenger De Luxe)
1941 l'azienda dismette le Challenger

Riferimenti esterni

Note

  1. almeno secondo quanto riportato nel primo dei riferimenti citati, che prenderemo come fonte principale per quanto riportato in questa pagina, anche se in questa cronologia vengono riportati rispettivamente il 1936 ed il 1939.
  2. si è usato l'anno indicato nel primo dei riferimenti indicati, anche se nell'articolo dedicato sul sito di Richard Binder si parla, senza riferimenti al perché, del 1936.
  3. vedi File:1937-Parker-Catalog-Royal-Challenger-EtAl-A1.jpg.
  4. vedi File:1938-Shure-Parker-Eversharp-p667.jpg.

Materiale disponibile