W. A. Sheaffer Pen Company

Da FountainPen.
Logo Sheaffer


La Sheaffer è uno dei pochi produttori storici di stilografiche americane rimasto continuativamente in attività fino ai nostri giorni. La ditta venne iniziò la produzione nel 1912 a Fort Madison, Iowa, da Walter A. Sheaffer ed è stata uno dei principali produttori di penne stilografiche americane. Ad oggi è ancora attiva come fabbrica di penne, ed è proprietà della BIC Corporation.

La Sheaffer è sempre stata una delle aziende più innovative nello sviluppo della penna stilografica, introducendo molte novità sia nei materiali che nei sistemi di caricamento, e ha sempre prodotto penne di ottima qualità e funzionamento impeccabile. L'unico campo in cui forse non ha brillato allo stesso livello degli altri è forse quello dell'innovazione stilistica, in cui comunque ha saputo fare la sua parte introducendo novità significative. Avendo stabilito le sue fortune in tempi in cui la superiorità tecnologica era una caratteristica vincente, ed avendo saputo mantenere alti livelli di qualità ed innovazione, la Sheaffer si è sempre trovata ai vertici del mercato, ed è pertanto annoverata a pieno diritto fra le Big Four.

Sheaffer
Modelli ed altro
Pubblicità marca
Foto marca
Foglietti istruzioni
Brevetti

Storia

La W. A. Sheaffer Pen Company nasce nel 1912 ad opera di Walter A. Sheaffer, che nel 1907 aveva inventato un meccanismo di caricamento a levetta,[1] brevettato (nº US-896861) nell'agosto dell'anno successivo. Walter A. Sheaffer era un gioielliere, e per creare l'azienda investì tutti i suoi risparmi. I primi modelli vennero prodotti nel 1912, ma l'azienda venne fondata ufficialmente il 1 gennaio 1913 con il nome di W. A. Sheaffer Pen Company. La attività dell'azienda iniziò con un capitale di partenza di 35000$ e con sette dipendenti che lavoravano nel retrobottega della gioielleria.

I primi anni dell'azienda si basarono sul successo delle stilografiche dotate del nuovo caricamento a levetta, che diventerà un classico e verrà copiato da gran parte dei concorrenti, in particolare da Waterman, che riuscirono ad eludere il brevetto e creare i loro modelli introducendo delle varianti rispetto al sistema utilizzato dalla Sheaffer. Nonostante il proliferare delle imitazioni, ed a riprova forse della scarsa utilità di questo tipo di protezione, la Sheaffer, che arrivò per prima sul mercato con il nuovo sistema di caricamento, ebbe un grande successo e questo pose le basi per il suo successivo sviluppo.

Nel 1917 vennero creati gli impianti di Morrison Plow Works, che consentirono alla Sheaffer di produrre direttamente i pennini delle sue penne, che fino ad allora acquisiva da fornitori esterni. La scelta della qualità è sempre stata una delle caratteristiche dell'azienda e questa si rifletteva anche nei suoi pennini, tanto che nel 1920 la Sheaffer introdusse una garanzia a vita, detta Lifetime, per le sue penne di fascia più alta, garantendo il pennino per tutta la vita dell'acquirente.

Pubblicità dei primi modelli in celluloide degli anni '20

Le nuove penne con garanzia Lifetime, nonostante fossero più costose di quelle della concorrenza, si rivelarono un successo, arrivando in cima alla classifica delle vendite. La loro qualità infatti valeva il maggior prezzo e questo venne percepito correttamente dagli acquirenti, tanto che anche le altre marche corsero ai ripari, introducendo garanzie analoghe. Dal 1924 questa garanzia venne contraddistinta tramite la presenza sulla penna di un pallino bianco, il "White Dot®", che da allora è diventato il simbolo distintivo di questa marca, e che si trova anche sui modelli attuali.

Skrip® Ink

Nel 1922 la compagnia iniziò la produzione di una propria linea di inchiostri. Dopo aver effettuato molte ricerche venne lanciata la nuova linea chiamata Skrip® Ink, che si dimostrò immediatamente essere di ottima qualità tanto che esso viene prodotto ancora oggi con lo stesso marchio, restando uno dei migliori inchiostri in circolazione.

Dopo la creazione del meccanismo a levetta la Sheaffer viene spesso citata nella storia della stilografica per essere stata la prima marca ad avere introdotto su larga scala, a partire dal 1924, l'uso della celluloide come materiale di costruzione delle penne. In realtà questo non è vero ed il merito di questa innovazione andrebbe attribuito più propriamente alla LeBoeuf, che, seguita dalla Conway Stewart è stata la prima a produrre penne con questo materiale. Non si può però negare che grazie all'uso della celluloide, che le permise di creare penne colorate, la Sheaffer ebbe un grande successo battendo sul tempo le altre Big Four. Fino ad allora le penne erano quasi esclusivamente di ebanite che consente delle colorazioni molto limitate. Il primo modello, di colore verde giada (o Jade Green), cui presto seguì il Pearl & Black, fece scalpore. Grazie a questo successo nel 1925 la Sheaffer riuscì a catturare quasi un quarto del mercato delle penne degli Stati Uniti.

Un modello flat top

Benché le caratteristiche distintive della Sheaffer siano sempre state l'innovazione tecnica e la qualità costruttiva, essa è stata capace anche di introdurre grandi innovazioni stilistiche. Nel 1929 infatti la ditta lanciò la Balance, che abbandonava il modello classico di penna cilindrica (il cosiddetto Flattop) per assumere una forma affusolata che costituiva una assoluta novità. L'innovazione, accompagnata anche dall'introduzione di nuovi colori, fu un altro grande successo e segnò l'inizio dello stile Streamlined adottato poi anche da tutte le altre marche.

Per tutti gli anni successivi la produzione della Sheaffer non incontrò novità stilistiche significative, con semplici modifiche alla forma della clip ed introduzioni di nuovi colori come i vari marmorizzati e striati, ed una serie di migliorie tecniche, come il pennino Feathertouch del 31, o la creazione, nel 1940, della Defender con clip corta passata sopra il cappuccio (brevetto nº US-D123485) realizzata per soddisfare i regolamenti militari. Nel 1934 venne anche creata la linea economica Wasp che rimase in produzione circa fino al 1940.

Nel 1935, per rispondere al successo della Vacumatic della Parker, la Sheaffer introdusse un'altra innovazione tecnica, il caricamento a siringa rovesciata, denominato Vacuum-Fil. Benché questo fosse presente nelle Onoto fin dall'inizio del secolo, fino ad allora non aveva avuto alcun successo negli Stati Uniti. La Sheaffer ne brevettò una sua versione (brevetto nº US-1926405) nel 1933, e lo introdusse sul mercato nelle sue linee economiche nel 1934 (usando anche il marchio omonimo). L'uso di questo sistema di caricamento, che consentiva di rendere il corpo della penna trasparente, fu ampiamente promosso per le sua capacità permettere la visione del livello dell'inchiostro.

Pubblicità del modello Triumph degli anni '40

Nel 1937 venne introdotto il nuovo modello Crest con cappuccio metallico, ma una seconda innovazione stilistica di grande rilievo avvenne nel 1942 con la realizzazione della Triumph caratterizzata dall'omonimo pennino conico, che proseguiva direttamente la linea affusolata della penna, e che, nonostante la forte concorrenza della 51 della Parker, ebbe un buon successo.

Durante la seconda guerra mondiale come gran parte delle industrie americane, la Sheaffer partecipò alla produzione di armi. Dopo la guerra la produzione riprese ed anche la Sheaffer partecipò alla corsa verso il nuovo fenomeno della penna a sfera. Lo sviluppo delle penne stilografiche comunque non venne interrotto, venne introdotto il nuovo modello Tuckaway, dalla caratteristica clip e la ditta iniziò a produrre penne in resina plastica, il nuovo materiale portato alla ribalta dalla 51, che andò a sostituire progressivamente la celluloide.

Negli anni seguenti la Sheaffer continuò la sua attività innovativa introducendo nel 1949 un nuovo sistema di caricamento a depressione, il Touchdown, su tutte le sue nuove penne, l'anno successivo vide il lancio della linea TM (da Thin Model), chiamata così per la sua forma slanciata, caratterizzata da un corpo molto sottile. Questa divenne comunque più conosciuta nel successivo modello Snorkel Pen ottenuto dal nome del nuovo sistema di caricamento, lo Snorkel, introdotto nel 1952, uno dei più sofisticati mai creati, che consentiva di caricare la penna attraverso un tubicino (lo Snorkel appunto).

Negli anni successivi la Sheaffer ha continuato ad essere protagonista nel mondo delle penne, dando vita ad altri modelli di successo, come la PFM a pennino intarsiato del 1959, e molti altri modelli minori, entrando anche sul mercato delle penne a sfera con buoni risultati. Questo le ha consentito di restare attiva sul mercato ed anche se passando da cambi di proprietà ed acquisizioni da parte di grandi conglomerati, resta una delle poche marche storiche di stilografiche attiva ancora oggi.

Elenco Modelli


Cronologia

Anno Avvenimento
1908 Walter A. Sheaffer ottiene il primo brevetto (nº US-896861) per il caricamento a levetta
1912 inizia la produzione delle prime penne a marchio Sheaffer[2]
1913 l'azienda viene fondata da Walter A. Sheaffer a Fort Madison come W. A. Sheaffer Pen Company
1917 l'azienda crea gli impianti di Morrison Plow Works
1920 l'azienda introduce le Lifetime Flattop con garanzia a vita Lifetime
1920 l'azienda introduce la garanzia a vita Lifetime
1922 l'azienda introduce l'inchiostro Skrip
1922 l'azienda rimpiazza la scritta "SHEAFFER-CLIP" dei fermagli con "Sheaffer'S"
1924 l'azienda introduce il White dot
1924 l'azienda inizia la conversione di tutti i suoi modelli Flattop alla celluloide
1928 l'azienda introduce le Pigmy
1929 l'azienda introduce le Balance dando vita allo stile streamlined
1930 l'azienda introduce il colore Marine Green per la Balance
1931 l'azienda introduce il pennino Feathertouch
1931 l'azienda introduce il colore blu per la Balance
1932 l'azienda termina la produzione della versione blu della Balance
1933 l'azienda brevetta (nº US-1926405) la sua versione di caricamento a siringa rovesciata poi chiamato Vacuum-Fil
1934 l'azienda introduce la sottomarca Wasp
1934 l'azienda introduce la sottomarca Vacuum-Fil
1935 l'azienda introduce il caricamento Vacuum-Fil sulla produzione principale (la Balance)
1936 l'azienda introduce il sistema Visulated per il controllo del livello d'inchiostro
1936 l'azienda introduce una clip affusolata (radius) sulla Balance
1937 l'azienda introduce le Wasp Clipper
1937 l'azienda introduce il modello 47, in seguito denominato Crest
1939 l'azienda introduce l'inchiostro Chem-o-pure
1939 l'azienda introduce l'alimentatore Flo-rite
1939 l'azienda introduce il colore Carmine Red per le Balance in celluloide striata
1940 l'azienda introduce le Skyboy
1940 l'azienda introduce le Balance in versione Defender
1940 l'azienda dismette (?) la sottomarca Wasp
1940 l'azienda introduce le Tuckaway
1942 l'azienda introduce le Triumph Pen
1942 l'azienda introduce il pennino conico Triumph Nib
1942 l'azienda ritira alcuni modelli della Balance
1945 l'azienda introduce le wire-band
1945 l'azienda introduce la clip corta sulla Tuckaway
1946 l'azienda dismette le Balance nelle varianti ancora restanti
1946 l'azienda introduce le prime penne a sfera
1947 l'azienda introduce le Fineline
1949 l'azienda introduce il caricamento Touch Down
1949 l'azienda introduce le Touchdown
1950 l'azienda introduce le Sheaffer TM
1950 l'azienda dismette le Tuckaway
1952 l'azienda introduce le Snorkel Pen
1952 l'azienda introduce il caricamento snorkel
1953 l'azienda introduce le TIPdip
1953 l'azienda dismette le Fineline
1958 l'azienda introduce le Lady Sheaffer un modello Skripsert
1959 l'azienda introduce le PFM
1959 l'azienda dismette le Snorkel Pen
1961 l'azienda introduce le Imperial
1963 l'azienda dismette le TIPdip
1963 l'azienda dismette il logo "Sheaffer'S"
1963 l'azienda riduce la linea PFM alle sole versioni III e V
1968 l'azienda dismette le PFM

Riferimenti esterni

  • [1] Sito ufficiale della Sheaffer
  • [2] La Sheaffer su Wikipedia
  • [3] PenHero.com: PenGallery: Sheaffer
  • [4] Pen Lovers: Sheaffer Collection
  • [5] Pagine sulle snorkel
  • [6] Sito dedicato al modello targa
  • [7] Pagina su penoply
  • [8] Pagina su penspotters
  • [9] Piccola cronologia
  • [10] Blog sui modelli flat top

Note

  1. la primogenitura dell'invenzione è posta seriamente in questione, vedi ad esempio questo articolo, per la presenza di altri brevetti preesistenti (come il nº US-726495 usato in seguito dalla Waterman), che consentirono infatti ai concorrenti di mettere sul mercato penne con lo stesso meccanismo.
  2. la cronologia della Sheaffer è basata sull'articolo: A HISTORY OF SHEAFFER PEN AND WALTER A. SHEAFFER ITS FOUNDER, pubblicato dalla compagnia stessa, che deve essere considerato la fonte delle informazioni, se non notato altrimenti.
Fatti riguardanti SheafferFeed RDF
Brand countryUS +
Brand official nameW. A. Sheaffer Pen Company +
Foundation year1913 +
Founded byWalter A. Sheaffer +
Founded inFort Madison +
Market entry1912 +
Origin year1913 +