Touchdown

From FountainPen
Jump to: navigation, search
Una Touchdown

Storia

Pubblicità del 1949

In realtà più che di uno specifico modello vengono genericamente chiamate in questo modo dai collezionisti le penne caratterizzate dall'omonino nuovo sistema di caricamento introdotto sul mercato dalla Sheaffer nel 1949.

Abbiamo fatto la scelta di identificare in maniera generica questi modelli con il nome touchdown, mentre chiameremo il caricamento stesso Touch Down (come nella pubblicità pubblicata a fianco) con lo spazio intermedio e le lettere maiuscole. In realtà trattasi solo del cambiamento del sistema di caricamento rispetto ai modelli precedenti dotati di siringa rovesciata, di cui mantengono inalterate tutte le altre caratteristiche, che invece spesso vengono indicati, almeno nelle pubblicità degli anni immediatamente precedenti l'introduzione del Touch Down, con il nome Deluxe.

I nome con cui l'azienda indicava i modelli infatti facevano principalmente riferimento a materiali e finiture, ed al tipo di pennino, pertanto anche se è ormai assolutamente comune fare riferimento con questo nome a quei modelli di penne, sarebbe in realtà più appropriato riferirlo al solo sistema di caricamento.

Non è nota una data di terminazione precisa, assumeremo il 1952, in riferimento all'introduzione delle Snorkel Pen, ma l'assunzione è totalmente arbitraria, senza alcun riscontro fattuale ed eseguita ai soli fini della gestione della cronologia.

Caratteristiche tecniche

La principale caratteristica tecnica di queste penne è il nuovo sistema di caricamento, anche se lo stesso tipo di penna si trova anche con la siringa rovesciata. Le clip sono dotate di un meccanismo a molla, e la chiusura del cappuccio è a vite, in quelle di fascia più alta viene usata una filettatura metallica costituita da un anello filettato inserito direttamente fra la sezione ed il corpo penna che riduce l'usura, sulle più economiche Cadet invece è filettata la parte terminale del fusto.

Materiali

Questi modelli sono realizzati in resina plastica nera o in colori uniformi, con varianti nelle finiture, cromate o dorate, e nella realizzazione del cappuccio, che veniva realizzato anche completamente in metallo. La clip è in metallo, dorato o cromato a seconda delle versioni. I pennini sono diversi, sia conici che aperti, realizzati a seconda della versione più o meno pregiata in oro 14 carati o in lega di palladio-argento (Pd-Ad).

Sistema di riempimento

Il sistema di caricamento di questa serie ne costituisce la sua principale novità tecnica e la contraddistingue al punto che la stessa è identificata come tale proprio per questo. Il sistema è il Touch Down (brevetto nº US-2610612), e si tratta di una evoluzione del sistema pneumatico della Chilton, basato comunque sulla compressione di un sacchetto di gomma grazie all'uso di un pistone metallico interno al fusto che una volta estratto e poi spinto indietrocrea una compressione pneumatica sul sacchetto, che viene rilasciata attraverso delle scanalature laterali quando il pistone arriva a fine corsa.

Versioni

Vennero realizzate diverse varianti come ...

Colori

Le penne di questa serie vennero realizzate in una serie di plastiche di diverse colori a tinta unita.

Pennini

Vennero usati, a seconda della versione e ...

Misure

Nella tabella seguente sono riportate le misure relative alla diverse varianti del modello, sia per quanto riguarda le lunghezze che il peso. I diametri per fusto e cappuccio sono misurati sul loro valore massimo, la sezione invece sul punto di presa, ed il diametro è quindi una indicazione approssimata. I pesi sono a penna scarica (o senza cartucce).

Versione Lunghezza Altre misure: lunghezze, diametri, pesi
Cadet 13,3 cm Lunghezze: 11,2 cm fusto; 6,2 cm cappuccio and 14,6 cm calzata. Diametri: 11,0 mm fusto; 12,2 mm cappuccio and 9,4 mm sezione. Peso: 13 g; 4 g cappuccio.

Riepilogo dati ed informazioni

Tutti i dati e le informazioni disponibili per le penne trattate in questa pagina sono elencate di seguito.

Cronologia

Anno Avvenimento
1949 l'azienda introduce il caricamento Touch Down
1949 l'azienda introduce le Touchdown

Riferimenti esterni

Note


Materiale disponibile