Chilton

Da FountainPen.
(Reindirizzamento da Chilton)
Questa pagina è una versione tradotta della pagina Chilton; la traduzione è completa al 100 %.

Logo Chilton

La Chilton e la Crocker sono due fra le più interessanti delle tante aziende nate nel periodo d'oro della stilografica americana e poi scomparse con le difficoltà incontrate negli anni successivi. La prima venne creata dal figlio del fondatore della seconda, e venne in essa assorbita. Passato il periodo d'oro degli anni '20 la Chilton, come la gran parte degli altri produttori dell'epoca, subì pesantemente la grande depressione del '29. Negli anni '30 le vendite peggiorarono e la produzione continuò a ridursi, fino alla definitiva uscita dal mercato nel 1941.

Nonostante la grande qualità delle sue penne, senz'altro al pari delle ben più famose Waterman e Parker, la Chilton non brillò mai per una particolare attenzione agli aspetti legati alla commercializzazione; la diffusione delle sue penne non uscì mai dagli Stati Uniti, ed a lungo la distribuzione restò localizzata nel Nord Est del paese. Le penne della Chilton erano molto belle, funzionali e con grandi doti tecniche e costruttive, ma a causa della loro scarsa diffusione non ebbero il successo che meritavano; per questo motivo sono piuttosto rare e molto ricercate dai collezionisti.

Chilton
Modelli ed altro
Foto marca
Foglietti istruzioni
Brevetti

Storia

Nel 1920 circa Seth Sears Crocker, che aveva fondato la Crocker Pen Company, lasciò gli affari e nella conduzione dell'azienda gli subentrò il figlio, Seth Chilton Crocker. Nel 1923 Seth Chilton Crocker rientrò direttamente nel mercato delle penne stilografiche fondando a Boston una nuova azienda a suo nome: la Chilton Pen Company. Nel 1925[1] lanciò sul mercato il primo modello della nuova ditta, basato su un ingegnoso sistema di riempimento pneumatico, evoluzione del blow filler inventato dal padre, realizzando quello che in sostanza è un precursore del touchdown che la Sheaffer introdurrà sul mercato solo più di 20 anni dopo.

Il sistema di riempimento pneumatico della Chilton è basato sulla compressione effettuata tramite lo scorrimento del fusto esterno della penna su un cilindro metallico interno che racchiude il sacchetto di inchiostro della penna. Il fusto è fornito di un foro sul fondo da tenere chiuso con un dito in fase di compressione, una volta aperto si consente l'espansione del sacchetto ed il conseguente caricamento.

Il sistema era semplice, funzionale e robusto, e consentiva di utilizzare sacchetti di gomma di dimensioni nettamente superiori rispetto a quelli dei concorrenti, tanto che le penne venivano promosse con lo slogan Twice the ink. A causa però della maggiore lunghezza del gruppo pennino, resa necessaria dalla particolare struttura del sistema di caricamento, la forma delle penne era poco proporzionata per la corrispondente maggior lunghezza del cappuccio.

Una Chilton in celluloide verde giada

Le prime penne della Chilton vennero realizzate in ebanite nera o fiammata, ma già a partire dal 1926 vennero introdotti dei nuovi modelli costruiti in celluloide, nei classici colori Jade green e Pearl Black. Nei primi anni tutta la produzione della Chilton proveniva dagli impianti di Boston, ed i modelli di questo periodo sono spesso indicati con il nome di questa città.

Alla fine degli anni '20 (il momento esatto del trasferimento è incerto, taluni lo indicano nel 1926, altri nel 1929) la Chilton trasferì gli impianti produttivi da Boston a Long Island (New York) inglobando anche i resti della Crocker. In questo periodo vennero prodotti nuovi modelli in celluloide con nuovi colori, e sviluppata una seconda versione del sistema di caricamento, in cui non era più il fusto esterno ad essere usato per la compressione, ma un contro-cappuccio metallico azionato tramite il fondello. In questo modo le dimensioni del cappuccio potevano tornare ad essere più proporzionate.

Una Chilton della produzione di Long Island

All'inizio degli anni '30 vennero anche adottate, seguendo lo stile streamlined introdotto dalla Balance, delle forme affusolate. I modelli di questo periodo, prodotti in 15 variazioni di colore ed 8 dimensioni diverse vengono comunemente chiamati Long Island. Si attribuisce più o meno questo periodo anche la nascita dei modelli cosiddetti Lox-Top per il particolare meccanismo (chiamato appunto Lox-Top) che impediva che il cappuccio potesse svitarsi quando la penna era inserita nel taschino, cosa che veniva realizzata tramite un piccolo perno, azionato dal fermaglio, che andava a bloccarsi sulla sezione quando questo veniva spostato dalla stoffa della tasca.

Fra il 1934 ed il 1935 (di nuovo vengono riportate queste due date da fonti diverse, ma assumeremo la seconda, che è riportata in un catalogo del 1937) la Chilton introdusse quello che è probabilmente il suo capolavoro, il modello Wing-flow. Il nome della penna derivava dal peculiare pennino, il cui brevetto (nº US-2089449) venne richiesto nel 1935, dotato di alette ribattute intorno all'alimentatore, così che questo non potesse disallinearsi.

Nel 1939 la Chilton produsse la sua ultima penna di qualità, la Golden Quill, introdotta sul mercato in occasione della Fiera Mondiale di New York. La nuova penna era contraddistinta da uno stile semplice ed austero, in netto contrasto con l'opulenza della Wing-flow. La qualità come sempre era impeccabile, ma l'azienda era ormai in crisi e la nuova penna non venne pubblicizzata a sufficienza: le vendite furono scarse (tanto che la penna è molto rara ed oggi ricercatissima dai collezionisti).

Nel 1941, dopo aver introdotto sul mercato penne economiche di bassa qualità (le Chiltonian, vendute per lo più per corrispondenza), la Chilton, incapace di generare vendite sufficienti, chiuse i battenti uscendo definitivamente dal mercato.

Cronologia

Anno Avvenimento
1920 Seth Sears Crocker lascia gli affari e alla guida dell'azienda gli subentra il figlio, Seth Chilton Crocker
1923 l'azienda viene fondata da Seth Chilton Crocker a Boston come Chilton Pen Company
1925 l'azienda introduce il suo nuovo caricamento pneumatico
1926 l'azienda si trasferisce a Long Island City, New York e introduce i primi modelli in celluloide
1927 l'azienda introduce la seconda versione del suo caricamento pneumatico (o nel 1930?)
1930 l'azienda introduce la Rocker clip
1935 l'azienda introduce le Wing-flow
1936 l'azienda introduce le iniziali ad intarsio sulla Wing-flow
1937 l'azienda brevetta il cappuccio Lox-Top
1938 l'azienda si sposta a Summit, nel New Jersey
1939 l'azienda introduce le Golden Quill
1941 l'azienda termina le attività

Riferimenti esterni

  • [1] Una storia dell'azienda
  • [2] Discussione sulle celluloidi della Chilton
  • [3] Un articolo molto dettagliato sulla Chilton
  • [4] Link ad una discussione, sparito anche dell'Internet Archive
  • [5] Pagina sulle Chilton del sito di Bill Acker
  • [6] Articolo sulle Chilton
  • [7] Pagina sulla Chilton del sito Pen & Watch
  • [8] Sito con alcune immagini, in gran parte dismesso

Note

  1. l'anno è esplicitamente riportato su un catalogo per il modello Wing-flow del 1937.