Duo-Cart

From FountainPen
Jump to: navigation, search
Una Duo-Cart

Storia

Una Duo-Cart laminata

Nel 1954,[1] l'Aurora, per contrastare l'avvento massiccio della penna a sfera, lanciò sul mercato la Duo-Cart, una penna economica con caricamento a cartuccia realizzata per il mercato studentesco usando materiali plastici. Le cartucce erano realizzate in polietilene su progetto di Giulio Natta, premio nobel per la chimica.

La caratteristica distintiva della penna, ripresa dal nome, era la capacità di contenere al suo interno una seconda cartuccia di scorta, così da non doversi trovare senza inchiostro. Con lo stesso principio venne realizzata anche la 888, che si può considerare la versione a cartucce della 88.

In risposta all'ingresso sul mercato della LUS Atomica, negli anni successivi (non è nota una data precisa) venne introdotta una versione più piccola della Duo-Cart, denominata Duo-Cart Jr. Il modello venne ristilizzato nel 1960,[2] con un cappuccio più lungo, ed il nome modificato in 2cart. In seguito venne introdotta una terza variante del modello, che, seguendo la evoluzione dei nomi usati anche per la "88", venne denominata 2cartK.

Non è nota una data di terminazione precisa, assumeremo il 1970, ma l'assunzione è totalmente arbitraria, senza alcun riscontro fattuale ed eseguita ai soli fini della gestione della cronologia.

Caratteristiche tecniche

Schema di una Duo-Cart

La penna riprendeva i principali temi del periodo, con l'uso del pennino coperto ed un cappuccio montato ad incastro, e si distingue dalle altre produzioni del tempo per il sistema originale di gestione della doppia cartuccia. Il cappuccio è con chiusura ad incastro, ma a differenza della 88 nella prima versione (la Duo-Cart) è presente anche uno scalino che blocca il cappuccio ad una specifica altezza, che non c'è nelle versioni successive (2cart e 2cartK).

Materiali

La penna è realizzata nella prima versione in celluloide, in seguito sostituita dalla resina plastica, con cappuccio in metallo laminato o cromato. Nella prima versione (la Duo-Cart) la sezione ed il gruppo pennino erano realizzate anche in combinazioni di colore diverso rispetto al fusto, nelle versioni seguenti (2cart e 2cartK) questa caratteristica non sarà più presente. Il pennino era in oro 14 carati. Le versioni di lusso ("GL") sono con il fusto in metallo laminato, oro o argento.

Sistema di riempimento

La penna è dotata del classico caricamento a cartuccia, che prevedeva però una speciale capacità di gestione di una doppia cartuccia (per tenere la seconda come riserva), da cui deriva il nome della penna. Infatti è previsto che due cartucce vengano tenute insieme all'interno del fusto utilizzando un apposito manicotto estensore fornito con la penna, che consente, incastrandole per la parte posteriore di tenerle agganciate l'una all'altra.

Inoltre la penna è dotata di un particolare sistema di allarme; all'interno del fusto è presente una pallina legata ad una catenella agganciata sul fondo del fusto stesso, che resta bloccata sul fondo quando è presente la seconda cartuccia, mentre diventa libera di muoversi quando questa è assente, in modo di segnalare, con il rumore che fa sbattendo sulle pareti, la necessità di reintrodurre la cartuccia di ricambio.

Versioni

Le tre varianti della Duo-Cart

Della penna sono note tre varianti principali succedutesi nel tempo. La prima variante, quella propriamente denominata Duo-Cart, è caratterizzata da un cappuccio piuttosto corto rispetto al fusto a testa piatta, con una clip di forme curvilinee svasate con terminazione leggermente a goccia sostanzialmente analoga a quella della 88. Sia il fusto che il fondello sono a terminazione piatta ed hanno un tappo di chiusura metallico. Sulla sezione il cappuccio si aggancia a frizione su un anello metallico piatto rigato, la sezione riporta nella parte superiore il logo ovoidale della ditta con la scritta "Aurora 88" (su due righe), sovrastante la dicitura "DUO-CART" in lettere maiuscole. Sul lato opposto è stampigliato un numero seriale.

La seconda versione denominata 2cart è dotata di un cappuccio più lungo di proporzioni ordinarie, e la clip non è più svasata, e mantiene delle linee convergenti uniformi con una punta arrotondata. La testa del cappuccio, come il fondo del fusto restano piatti e con un tappo di chiusura metallico. Il cappuccio è in acciaio decorato a linee verticali e si aggancia sulla sezione su un anello circolare, molto simile a quello della 88. La sezione riporta nella parte superiore il logo ovoidale della ditta con la scritta "2 cart", su due righe con la base del due che si allunga fino a divenire il trattino della "t", il logo sovrasta la stampigliatura "Aurora", e non è presente un numero seriale.

La terza variante, denominata 2cartK è molto più somigliante alla 88K, con forme affusolate a sigaro. Il cappuccio è decorato con linee verticale e la testina è a vite stondata. Anche la clip è sostanzialmente la stessa della 88K, piatta e decorata con un incavo a goccia allungata decorato con una laccatura nera. La sezione riporta nella parte superiore il logo ovoidale della ditta con la scritta "2 cart K" ma non c'è più la stampigliatura "Aurora". Sul lato opposto è presente un numero seriale ed anche il codice numerico che identifica le misure dei pennini, illustrato nella pagina della 88K.

Le versioni di lusso (con corpo in metallo pregiato, argento o oro) venivano denominate GL (Gran Lusso).

Colori

La Duo-Cart era realizzata con un corpo in celluloide di vari colori a tinta unita (grigio, borgogna, verde o nero), mentre la sezione è rosso scuro nero, ottenendo pertanto un originale combinazione di colori diversi fra corpo e sezione. Le successive 2cart vennero anch'esse realizzate in diversi colori a tinta unita (nero, grigio, turchese, borgogna, verde, arancio) ma con colore uniforme per corpo e sezione. Non è nota una lista di colori per la 2cartK, ma si presume siano analoghi a quelli della 2cart.

Pennini

I pennini sono gli stessi della Aurora 88, ma non sempre completamente compatibili.

Misure

Nella tabella seguente sono riportate le misure relative alla diverse varianti del modello, sia per quanto riguarda le lunghezze che il peso. I diametri per fusto e cappuccio sono misurati sul loro valore massimo, la sezione invece sul punto di presa, ed il diametro è quindi una indicazione approssimata. I pesi sono a penna scarica (o senza cartucce).

Versione Lunghezza Altre misure: lunghezze, diametri, pesi
Duo-Cart 13,6 cm Lunghezze: 5,1 cm cappuccio and 14,9 cm calzata. Diametri: 12,0 mm fusto and 12,7 mm cappuccio.
2cart --

Riepilogo delle informazioni disponibili

Si riportano di seguito le informazioni raccolte in riferimento ai modelli trattati in questa pagina, a partire dai dati di cronologia, i riferimenti trovati sul web ed il materiale (foto, pubblicità, documenti) disponibile al riguardo.

Cronologia

Anno Avvenimento
1954 l'azienda introduce le Duo-Cart
1960 l'azienda introduce le 2cart ristilizzazione della Duo-Cart[2]

Riferimenti esterni

  • [1] Dettagliata storia della Aurora 88 e delle sue evoluzioni
  • [2] Altro articolo sull'Aurora 88 e le sue evoluzioni
  • [3] Panoramica sui vari modelli e varianti dell'Aurora 88
  • [4] Discussione sul forum sui modelli del dopoguerra
  • [5] Discussione sul forum su un possibile rimpiazzo delle cartucce
  • [6] Discussione sull'intercambiabilità dei pennini.

Note

  1. per la data si fa riferimento a questo dettagliato articolo, si sono trovate indicazioni anche del 1957 come data di lancio, ma questa data è senz'altro sbagliata in quanto una pubblicità della penna compare (vedi questo messaggio sul forum), in una rivista del novembre 1955.
  2. 2,0 2,1 secondo quanto indicato in questa pagina.

Materiale disponibile