Modelli iniziali Montegrappa

From FountainPen
Jump to: navigation, search

Storia

La data esatta di inizio della produzione di stilografiche da parte della Montegrappa non è nota con precisione, ma risale all'inizio degli anni '20 ed assumeremo pertanto il 1921. Le prime stolografiche vennero prodotte con il marchio Elmo vennero denominate appunto Elmo e The Elmo Pen e si rifacevano rispettivamente allo stile tedesco e a quello americano.

Intorno al 1925 venne introdotta la prima linea di penne marchiata Montegrappa, si trattava di penne rientranti del tutto identiche ai precedenti modelli Elmo e The Elmo Pen, se non per il nome adottato ed alcune differenze nella numerazione. Successivamente questi modelli vennero rivisti assumendo una forma più slanciata. Un terzo marchio usato dall'azienda è Domino (Reg. Gen. N. 32169).

Sono noti inoltre, sempre nella produzione iniziale degli anni '20, dei modelli in ebanite prodotti con caricamento a levetta. La produzione di rientranti in ebanite pare essere proseguita fino agli '40, anche se lo stile venne modificato. Negli anni '30 la dicitura The Elmo Pen venne eliminata per passare all'uso esclusivo del marchio Elmo. Anche le penne marchiate Montegrappa vennero riviste negli anni '30, assumendo delle forma più slanciate e testina e fondello piatti. Considereremo terminato questo periodo con il 1931, data presa come indicativa del passaggio alla produzione in celluloide.

Caratteristiche tecniche

I modelli iniziali della Montegrappa non presentano caratteristiche tecniche particolari che le mettano in rilievo rispetto agli altri modelli dello stesso periodo. Le penne erano comunque di buona qualità.

Materiali

I modelli iniziali della Elmo erano tutti realizzati in ebanite. La clip era in metallo dorato ed il pennino in oro a 14 carati.

Sistema di riempimento

I modelli iniziali dalla Elmo vennero realizzati sia con caricamento safety che con caricamento a contagocce. Ad essi si aggiunse, nel corso degli anni '20, il caricamento a levetta

Versioni

Le prime penne prodotte dalla Montegrappa vennero prodotte in due versioni; la prima versione, marchiata Elmo avevano come riferimento i modelli tedeschi, con la testina del cappuccio forma arrotondata, venivano prodotte sia di misura corta che lunga ed erano dotate di un cappuccio allungato. Questi modelli erano identificati per le varie misure da un numero in doppia cifra; in ordine crescente essi erano: 22, 44, 77, 88, 99. Al numero veniva aggiunta la frazione 1/2 per indicare le versioni corte. Infine risale alla produzione iniziale anche un modello di dimensioni piccolissime, denominato Lilliput.

La testina del cappuccio poteva essere decorata con varie tipologie di inserti, sia bianchi che colorati e la clip era montata tramite una fascetta sul cappuccio, mentre sul corpo era inciso il marchio Elmo insieme al numero del modello. Inizialmente questi modelli vennero prodotti in ebanite liscia, a cui si aggiunsero successivamente versioni in ebanite cesellata con motivi ondulati.

La seconda versione della produzione iniziale della Montegrappa era invece marcata The Elmo Pen, ed veniva prodotta imitando lo stile di cappuccio corto a cima piatta usato dai modelli americani, come la Waterman 42. Le penne vennero prodotte in diverse misure, denominate, in base alla dimensione del pennino, coi numeri 2, 6 ed 8. Le penne erano realizzate con cesellature ondulate, a scacchiera o a righe longitudinali.

Negli anni '30 queste due linee vennero riviste, la dicitura The Elmo Pen venne eliminata e si passò all'uso esclusivo del nome Elmo, questo venne inciso sul corpo della penna in caratteri corsivo all'interno di un rombo logitudinale; lateralmente di questo, spezzate in due dal marchio, stavano le due scritte in stampatello Penna di sicurezza e Bassano del Grappa poste una sopra l'altra.

Le prime penne marchiate Montegrappa vennero introdotte nel 1925 riprendendo le precedenti linee di rientranti in ebanite, senza però nessuna distinzione di marchio fra i due tipi di stile (tedesco ed americano). Le penne prodotte nello stile tedesco erano sostanzialmente identiche alle Elmo, anche per la numerazione adottata. Le penne prodotte in stile americano, pur usando le stesse varianti dicesellature, erano identificata, sempre a seconda della misura del pennino, con i numeri 30, 32, 34, e 36.

Anche queste penne vennero modificate nel corso degli anni '30, assumendo delle linee più sottili e slanciate, un fondello con una leggera sporgenza ed una testina del cappuccio piatta ma zigrinata lateralmente, molto simile a quella di una Duofold. Per questi modelli venne anche introdotta una nuova numerazione per le varie misure, con i valori 72, 74, 76 e 78.

Colori

I modelli iniziali vennero prodotti in ebanite nera, sia liscia che cesellata, in genere con motivi ad onde. In seguito vennero utilizzate anche cesellature con motivi diversi, a scacchiera o a linee longitudinali.

Pennini

I pennini erano realizzati in oro a 14 carati, marcati con la dicitura Elmo 14 kt disposta su due righe sopra un cerchietto riportante il numero della misure del pennino. Le misure disponibili erano, fra le altre, 2, 6, 8.

Dimensioni

Versione Lunghezza Altre dimensioni / Descrizione
 ? 5" ? come è fatta

Cronologia

Anno Avvenimento
1921 l'azienda inizia la produzione di stilografiche (data indicativa[1])
1925 l'azienda viene acquistata da Alessandro Marzotto e Domenico Manea
1925 l'azienda inizia la produzione di modello marchiati Montegrappa
1926 l'azienda viene rinominata in Manifattura Pennini Oro e Penne Stilografiche Elmo
1930 l'azienda introduce i primi modelli in celluloide (data indicativa)

Riferimenti esterni

  • nessuno per ora

Note

  1. purtroppo, come per molte aziende italiane, i dati storici della Montegrappa sono labili ed incerti, ed alcune date sono soltanto indicative e fanno riferimento non tanto a un anno quanto ad un intervallo di tempo, come la prima o la seconda parte di una decade, o l'inizio, la metà o la fine; per maggiori dettagli si può consultare la cronologia sulla pagina della Montegrappa.

Materiale disponibile