Superna

From FountainPen
Jump to: navigation, search

Storia

Una Superna blu.

Il modello Superna, introdotto sul mercato dall'Aurora all'incirca nel 1937,[1] si affianca alla Novum nella reazione alle nuove tendenze stilistiche che vedono una predominanza delle forme affusolate ed il riferimento ai dettami dell'Art Decò. La penna si caratterizza per la presenza sul cappuccio di una ricca vera decorata con un motivo a foglie, posta fra due anelli di dimensioni più piccole.

Non è nota una data di terminazione precisa, assumeremo il 1945, ma l'assunzione è totalmente arbitraria, senza alcun riscontro fattuale ed eseguita ai soli fini della gestione della cronologia.

Caratteristiche tecniche

Particolare del caricamento

La principale peculiarità tecnica della Superna è la variante del sistema di caricamento a levetta di fondo di cui è dotata, che a differenza di quanto avveniva per la Novum e la Internazionale viene protetto tramite un fondello. Il fermaglio era di realizzazione classica e veniva fissato al cappuccio tramite la testina dello stesso. Il cappuccio era con chiusura a vite.

Materiali

La Superna venne realizzata esclusivamente in celluloide, in diversi colori. La penna era dotata di un pennino oro a 14k e le finiture e la clip erano in metallo dorato.

Sistema di riempimento

La Superna era dotata di una interessante variante del già particolare sistema di caricamento a levetta di fondo ideato dall'Aurora. In questo caso la levetta è montata verticalmente, dotata di una pallina in plastica all'estremità di azionamento e protetta da fondello svitabile. Svitando il fondello si può accedere alla levetta spingendo la quale si effettua il caricamento della penna.

Versioni

Le tre versioni della banda sul cappuccio.

Il modello Superna venne prodotto in due misure, grande e media. La penna presenta un cappuccio decorato nella parte inferiore con una larga vera con un motivo a foglie, posta fra due anelli di dimensioni più piccole. La clip termina a punta di cravatta, ma ha una linea curva rientrante molto elegante. Sulla sezione riporta il classico logo ovoidale dell'Aurora con la dicitura "Aurora Superna".

Sono noti esemplari pubblicitari realizzati con il logo "FIAT" che presentano un più semplice caricamento a pulsante di fondo e la sezione marcata "Aurora Torino" anziché "Aurora Superna". Ci sono poi varianti della veretta come quella a motivo di greca o l'uso di tre anellini, come illustrato nella figura a fianco.

Colori

Il modello Superna venne prodotto in una gamma di celluloide dotata di colorazioni piuttosto elaborate, riprese in sostanza da quelle utilizzate per la Novum. In un catalogo (del 1937?) sono citati: azzurro, borgogna, verde smeraldo, grigio, nero cristallo.

Pennini

I pennini corrispondono alle due misure della penna, la grande ha la misura 6 o la misura 5 (anche in Platiridio), la media la misura 2½.

Dimensioni

Versione Lunghezza Altre dimensioni / Descrizione
grande 5" ? come è fatta
media 12.4 cm come è fatta

Cronologia

Anno Avvenimento
1937 l'azienda introduce le Superna
1945 gli stabilimenti della Aurora vengono distrutti da un bombardamento

Riferimenti esterni

Note

  1. la data è quella indicata da Andrea De Ponti, Letizia Jacopini indica approssimativamente il 1933, non ci sono riferimenti certi che permettano di fare chiarezza.

Materiale disponibile